Passa ai contenuti principali

Poi sarà tutto lì

Ieri stavo scrivendo un post che parlava più o meno di serie TV. Mi piace sottolineare più o meno, perché in realtà non sono una che ne segue a bizzeffe e quindi non sono la persona più appropriata per redigere al riguardo un post davvero interessante. Ne seguo una, praticamente.
Poi però la stanchezza ha avuto il sopravvento. Tirare l'orecchio per sentire se lei si sveglia, sperando che non si svegli per poter scrivere tranquillamente, a volte è più snervante che tenerla in braccio quando è stanca e non vuole dormire.
E così ho pensato a una cosa che mi ha detto mio marito l'altra sera, quando mi ha vista un po' "smonata" per via di vari avvenimenti che non sto qui a descrivere nel dettaglio. E ha detto una frase che mi fa capire che a volte chi ti sta intorno ti capisce meglio di te stessa. Oppure, lo esprime più liberamente perché te lo legge chiaro in faccia. "Hai bisogno di riprenderti i tuoi spazi". Quanto è vero. Il fatto è che qualche mese fa lo sapevo bene, adesso ero convinta di esserci arrivata. Invece non è così, e non me ne rendevo conto. La verità è che sono stanca del viavai di gente per casa "perché così è più comodo". Del viavai di gente perché "così finiamo quei lavori davanti casa". Del viavai vario ed eventuale. 
In questo momento campeggia davanti ai miei occhi un enorme "vorrei ma non posso". Ogni gioia ha i suoi rovesci, ogni tristezza anche. Quindi non è che sto qui a lamentarmi, ma diciamolo, a volte mi sembra tutto al di là della mia portata, e soltanto per un soffio, o fuori tempo, o fuori luogo, o non lo so. Mi sembra che la mia mano stia per afferrarla e invece no, non ci arriva. O magari dovrei capire la bellezza del salto che c'è fra la mano e la meta, godermi i tentativi e credere che a un certo punto le dita si distenderanno nel momento giusto, nel punto giusto, con il giusto slancio, e allora sarà tutto lì.

Avete presente quando su Elizabethtown lei dice a lui che gli uomini vedono le cose in una scatola e le donne in una stanza rotonda? Prima mi pareva tutto molto più scatola, ora è tutto molto più stanza rotonda. Affascinante, ma mi sembra di girare girare girare e poi? Dov'è che si va?

Commenti

Riccardo Giannini ha detto…
La citazione finale, lo ammetto, è un po' un rompicapo. Ma forza e coraggio: probabilmente non riuscirai a riprenderti i tuoi spazi, ma ne creerai dei nuovi. Iniziare una nuova famiglia e crescere un bimbo è compito impegnativo; è altrettanto vero che ogni gioia ha i suoi rovesci, ma vedrai, il valore della gioia sarà nettamente superiore a quello dei rovesci.
MikiMoz ha detto…
Quindi noi uomini vedremmo le cose più... spigolose? XD
Cooomunque, i tuoi spazi torneranno, e come dice Ric, saranno probabilmente anche NUOVI spazi^^

Moz-
franco battaglia ha detto…
Intanto una figlia te li forgia gli spazi immagino (perché non ne ho), ti riempie di nuove prospettive, e te ne sega di antiche e radicate, credo ci sia da ricalcolare aree, perimetri, vuoti e pieni.. reindirizzarsi e riciclarsi anche... auguri intanto! ;)
Miky ha detto…
Cari tutti che avete commentato, scusate l'assenza di risposta ma fra lavoro e pargola sono un po' in tilt (no, lo sono moltissimo).

@Riccardo lo so, è tutto un cambiamento, in certe cose in meglio, altre invece... è ancora da capire! :) sono fiduciosa eh! A volte non nego lo sconforto per certi versi, ma poi passa anche quello

@Miki non so, più che spigolose avrei detto quadrate :D ma tanto generalizzare non ha molto senso, quindi... però l'immagine mi piace comunque. Attendo nuovi spazi che mi facciano sentire di nuovo in equilibrio...

@franco da un lato si rimpiccioliscono, ma si espandono all'infinito spazi che prima quasi non c'erano. Tutto bello, l'unica sensazione che non mi piace è quella di sentirmi come se rimanessi indietro sotto altri punti di vista... quando dovrei solo godermi il viaggio, nonostante tutti i ricalcoli dovuti... :) si impara tutto, però!
Giuseppe Marino ha detto…
"Hai bisogno di riprenderti i tuoi spazi". E chi non ne ha bisogno? A volte è dura, e si stringono i denti e si va avanti!

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…